Overblog
Suivre ce blog Administration + Créer mon blog

IL MIO SOGNO

Publié le par analopez

E. M. B.

 

 

 

Amo viaggiare, il mio sogno è viaggiare per il mondo e imparare da lui. Circonderò il globo da est a ovest e da nord a sud. Conoscerò tutte le culture e le religioni. Prenderò il meglio di ogni persona, ogni paese e ogni paesaggio. Imparerò a guidare un aereo, la barca, passeggiate a cavallo ed elefanti ...
Parlerò tutte le lingue possibili, praticherò tutti i tipi di sport, scalerò le montagne e mi immergerò in tutti i mari...
Mi piace anche la musica e ascolterò la musica tipica di ogni paese.
Avrò amici di tutte le nazionalità.
Siccome tutti noi inseguiamo i nostri sogni aiuterò mia sorella a coronare il suo, che è la danza. Quindi, in tutti i luoghi in cui andrò parlerò di lei e lei conoscerà tutto il mondo.
Tutto questo lo farò dopo aver studiatoe guadagnato dei soldi per realizzare il mio sogno. Durante il mio viaggio conoscerò un musicista carino, ma non molto famoso, con il quale vivrò negli Stati Uniti e lui mi insegnerà a suonare la chitarra, il basso e la batteria.
Forse avrò uno o due bambini e gli racconterò tutto quello che ho imparato mentre facevo il mio sogno.

Partager cet article
Repost0

I MIEI NONNI ALLA MIA ETÀ

Publié le par analopez

M.P.A.R.

 

 

      Lei è seduta  in una sedia,  le sue mani riposano sulla tavola. Gli occhi le brillano,  mi sorride aspettando la mia  domanda.

     -Nonna,  como era la tua vita, quando avevi la mia età?

Respira profondamente mentre la sua mente viagga fino a quando lei aveva sedici anni.

   -  “Io abitavo qui, a Puertollano, accanto  alla stazione del treno. Tua Zia Trini lavorava a Ciudad Real, in una casa, e anche io lavoravo in una casa ma qui. Zia Boni  rimaneva a casa e faceva il cibo, la mia mamma lavorava anche in una casa e mio padre in una azienda vinicola.

     Quando io avevo sedici anni, avevo lavorato in almeno tre case facendo il chivo e pulendo dei vestiti e anche la casa. Io lavoravo  fino al pomeriggio e dopo andavo da una sarta per imparare a cucire.

     Nell’ ultima casa ho lavorato per tre anni. La casa di Josito. Io lavoravo con una donna chiamata Ovidia. Io pulivo dei vestiti, lei stirava,...La signora era molto buona con me, era una donna molto simpatica. Io e Ovidia vestivamo un uniforme molto bella, era de a quadrati verdi e bianchi con i polsini anche bianchi

     Tuo Nonno era già  innamorato di me, ma io all’ inizio no gli prestavo attenzione”.-  Mia  nonna ride un po’, e mio nonno la guarda un istante.

-“Ricordo che alla signora le piaceva como io pulivo i vestiti. E siccome io lo facevo in un lavandino per dei vestiti lei mi ha comprato una lavatrice., delle prime chi che vendevano.

Tuo nonno veniva in questa casa per aspettarmi e accompagnarmi a casa mia,  ma all’inizio io fuggivo quando lui non guardava la porta.”- Io e Lei ridemmo. Mia Zia Boni è arrivata, e lei si siede nel sofà. - Ma questo solo è successo per poco tempo, perché dopo ci siamo conosciuti  un po’ di più.

-E tre anni dopo vi siete sposati- le mie parole suonano come il puntto finale del capitolo.

Il taccuino riposa sulla tavola, molte annotazioni in blu risaltano nello sfondo bianco della carta.

Tutte le persone della stanza pensavano in questo momento nella loro gioventù, mia nonna, mio nonno, e  mia zia. E io tentavo di immaginarmi le loro vite.

Partager cet article
Repost0

IMPERFETTO

Publié le par analopez

Ecco un tempo abbastanza simile nell' uso allo spagnolo e al francese.

 

Coniugazione:

 

io tu lui, lei, Lei
noi voi loro
1a con.
am-are
am-avo am-avi am-ava am-avamo am-avate am-avano
2a con.
av-ere
av-evo av-evi av-eva av-evamo av-evate av-evano
3a con.
dorm-ire
dorm-ivo dorm-ivi dorm-iva dorm-ivamo dorm-ivate dorm-ivano

 

Verbi irregolari:

 

Essere----  ero

Fare------- facevo

Dire-------- dicevo

Tradurre------ traducevo

 

 

1.Ecco una pagina  della Rai Educationnal con 10 esercizi (perfino un ascolto).

2. Esercizio ( con delle frasi da riempire con il verbo)

Partager cet article
Repost0

NON SMETTERE DI SOGNARE

Publié le par analopez

1. Guardate questo video e parlate tra di voi. Di che cosa si tratta?

 

 

2. Adesso guardate questo video.

 

Pensate che c'è un rapporto tra il primo video e il secondo?Quale?
3. Ecco l'intervista di uno dei personaggi di Non smettere di sognare. Cliccate qui per guardare il video e rispondete alle domande qui sotto:

A. Cosa fa Bianca nella fiction?

B. Trovate delle similitudini con il personaggio Bianca e l’attrice che lo interpreta? Quali?

C. Che consiglio da Bianca alla fine dell’intervista?

 

Guardate di nuovo il video, ma questa volta leggete la trascrizione che troverete qui sotto.

 

Allora, il mio personaggio si chiama Bianca è una ragazza di vent’anni, ed è la migliore amica della protagonista Giorgia, ed è una ragazza assolutamente molto molto dolce e insegna danza in una scuola appunto di…insegna danza classica lei a delle bimbe. Diciamo che Giorgia e la scuola di danza e la danza è tutto ciò che lei ha, tutto ciò a cui lei tiene di più, infatti c’è un momento, insomma, nel percorso di Bianca in cui sta appunto per perdere la scuola e diciamo che in quel momento per lei c’è il buio più totale….

Bianca per Giorgia c’è sempre proprio sono amiche del cuore perché loro si conoscono da quando erano proprio piccole piccole..ballavano insieme..con il tutù, insomma, e poi spesso Bianca andava a casa di Giorgia dove c’era appunto il padre di Giorgia, quindi hanno questo rapporto molto forte di tanti e tanti anni. Per me è stato stupendo poter interpretare questo ruolo perché Bianca mi somiglia molto come carattere perché anche io di amiche ne ho poche, scelte bene e soprattutto le amiche alle quali tengo di più e che vorrei sempre al mio fianco sono appunto le amiche mie dell’infanzia, insomma, di quando ero proprio piccola piccola piccola. È stato stupendo girare il pezzo di danza di Bianca perché con il regista che è Roberto Burchielli, che è un genio, mi hanno messo una body cam praticamente una telecamera con un braccio, una camera girata verso di me, è stato troppo belloperché io stavo con il body e con le punte e intanto avevo questa telecamera di 10 chili e dovevo ballare, ma io amo il rischio, amo le cose folli, quindi per me poter girare una cosa così bella, strana è stato veramente divertentissimo e poi vedere le riprese con il mio viso, con tutto lo spazio che girava mentre facevo queste piroette è pazzesco, è veramente figo! Quello che dico sempre io è che non bisogna mai smettere di studiare; a me piace sorprendermi e mettermi in gioco sempre perché sennò, se stai sempre fermo su quella cosa ok sarai anche il campione, sarai anche il più bravo magari pero ti devi sempre mettere in gioco nella vita, poi più nozioni, più cose impari poi te le ritrovi in un futuro, infatti io sto studiando anche canto e proprio perché a me piace io amo l’arte in generale quindi mi piace studiare tutto e fare tutto insomma….. Non smettere di sognare! Ciaoo!

 

4. E voi, avete un sogno? Scrivete un testo raccontando qual è il vostro sogno e, visto che siete tanto bravi e che lo raggiungerete, spiegate come sarà la vostra vita una volta.

Partager cet article
Repost0